La salvezza

Quando si parla di “salvezza” si pensa sempre a un pericolo scampato, a una difficoltà schivata o superata.

Ma la salvezza dell’anima che cos’è? Cosa dice la Bibbia a riguardo?

La premessa fondamentale per comprendere l’importanza di tale dono (perché di questo si tratta: di un dono) è l’avere fede nella Parola di Dio, la Bibbia, e in tutto ciò che vi è scritto.

Le scritture, infatti, parlano dell’uomo come totalmente votato alla morte e alla perdizione eterna a motivo dei suoi peccati, peccati insiti nella sua natura (l’esser bugiardo, violento, arrivista,…). E la morte spirituale non è altro che la lontananza dell’anima dal suo Creatore, cioè Dio!

Per questo motivo, l’uomo aveva bisogno d’esser riscattato e salvato dall’intervento di un Salvatore divino. Non si parla, quindi, di una semplice morale religiosa che dà all’uomo consigli di buona condotta che hanno, come conseguenza, il miglioramento della sua condizione mediante i propri sforzi.

Questo Salvatore divino è Gesù! Suscitato da Dio stesso (Luca 1:69), Egli è l’unica via che porta l’uomo a esser riconciliato al proprio Creatore ( Atti 4:12), venuto proprio a cercare e salvare ciò che era perduto (Luca 19:10).

Caro lettore, se senti dentro al tuo cuore un vuoto incolmabile, se niente in questa vita può darti realmente soddisfazione e appagamento, se ti senti in colpa per il tuo passato e per un presente che non ti rende felice, sappi che il Salvatore Divino può e vuole manifestarsi ancora nella tua vita!

MettiLo alla prova, prega nell’intimo del tuo cuore e cerca il Suo amore. Troverai un Salvatore meraviglioso, pronto a stravolgere la tua vita, e realizzerai anche tu questo dono eterno di Salvezza. Provaci!

Autore